Ricette di primi gustosamente sani

SUGO ROSSO SENZA POMODORO

Un sugo dal colore rosso che ci riscalda e riempie il palato.
La base é di carote e cipolle ma senza l’utilizzo del pomodoro, tipico frutto estivo, per ottenere un bel colore rosso abbiamo usato una radice: la barbabietola.
Si ottiene un condimento piacevolmente colorato che si può modulare a piacere, da un rosso-arancio intenso, fino ad un rosso-tarocco di Sicilia.
Un sapore ricco di gusto e di vitamine e sali minerali. Ideale per condire la pasta, o il riso integrale oppure da servire con gustose bruschette di pane nero per brunch o merende.
Di derivazione macrobiotica per diminuire le solanacee, abbiamo rivisitato questo sugo rendendolo più mediterraneo, creando un soffritto di carote, sedano e cipolle e aggiungendoci dell’origano siciliano secco e del buon olio evo della Puglia.
Per aiutarci a ricordare l’acidulo del pomodoro abbiamo usato un prodotto tipico giapponese, ovvero l’acidulato di umeboshi che é un ottimo ingrediente per aiutare la digestione.
Una vera ricetta fusion tra Oriente e Mediterraneo come é nel nostro stile.
Ma chi preferisce solo il prodotto italiano, puo’ usare del succo di limone!
Ingredienti:
1 carota,
2 cipolle medie,
1 barbabietola
2 Cucchiai di olio evo di Puglia
2 cucchiaini di acidulato di umeboshi
sale integrale di mothia 3gr
origano secco di Sicilia
Procedimento:
Tagliare grossolanamente le verdure.

Mettere a bollire carota e cipolle.
Quando la carota é morbida, scolare circa la metá dell’acqua e aggiungere la barbabietola in scatola(già cotta).

Frullare il tutto con un frullatore ad immersione(minipimer), fino ad ottenere un composto morbido e senza grumi.
Aggiungere saleorigano e l’olio di oliva e l’acidulato di umeboshi, per raggiungere la giusta acidità e sapidità del sugo.
Presentare con foglie fresche di origano.
 Servitelo su dei crostini di polenta…credo la sappiate fare tutti la polenta ma in breve riepiloghiamo:
basta far cuocere della buona polenta di mais o di grano saraceno e mais
farla rapprendere in un contenitore magari rettangolare, e farla raffreddare, poi affettarla a cubetti o striscioline.
Ripassateli quindi in padella con poco olio…e voila’ crostini glutenfree e gustosamente sani adatti a tutti…
soprattutto per accompagnare un sugo speciale!
VERSIONE ALTERNATIVA PER IL SUGO ROSSO SENZA POMODORO
LE NOSTRE RICETTE PER CUCINA MANCINA

DAHL DI LENTICCHIE FUSION TRA INDIA E ANTILLE

lentil-cardamom-soup

200g di lenticchie rosse

1 cipolla media dorata tagliata finemente

200ml latte di cocco

acqua o brodo vegetale qb

2 cucchiai di olio evo

1 peperoncino scotch bonnet

2 bacche di cardamomo

sale qb

coriandolo fresco o prezzemolo

Fai rosolare in pentola con poco olio la cipolla insieme al cardamomo per circa 5 minuti, poi versa le lenticchie rosse e rosola ancora per circa 2-3 minuti, aggiungi il latte di cocco e ricopri con acqua o brodo di circa un dito.

Cuoci a fuoco lento per circa 15 minuti e aggiusta di sale, inserisci quindi il peperoncino scotch bonnet intero senza tagliarlo (il più piccante al mondo! e in ogni caso che mai abbiamo provato noi!).

Tieni coperto e aspetta che le lenticchie si ammorbidiscono molto e che tutto il liquido sia stato assorbito, togli il peperoncino(se lo volete meno piccante togliete il peperoncino prima!) e recupera e togli anche il cardamomo.

Noi consigliamo di frullare per ottenere una crema da servire con crostini.

Servi con spolverata di coriandolo fresco e se non ti basta il piccante…allora spolvera anche fiocchi di peperoncino.

RISO NERO con CECI e VERZA con gomasio alle alghe e pesto di CAVOLO NERO

al link la nostra ricetta sul sito di CUCINA MANCINA col quale collaboriamo e abbiamo un nostro spazio.

riso-nero-e-cavolo-verza-con-cavolo-nero

PASTA INTEGRALE alla ZUCCA e PESTO DI CAVOLO NERO

pasta-alla-zucca-e-cavolo-nero

500g di eliche di pasta integrale ( di grani antichi)

200g di zucca tagliata a cubetti piccoli
4 rametti di rosmarino
300g di cavolo nero
8 cucchiai olio evo
sale qb

Cuoci la pasta.
In una pentola dal fondo spesso sbollenta la zucca per 5 -8 minuti, poi falla rosolare per altri 5 minuti , in una padella antiaderente con 3 cucchiai d’olio e i rametti di rosmarino.
Lava e pulisci molto bene il cavolo nero. In un frullatore metti tutte le foglie del cavolo, 2 cucchiai d’olio, un pizzico di sale e frulla molto bene, deve risultare cremoso come un pesto. Scola la pasta aggiungi il pesto e servila in un piatto di portata, decora con la zucca rosolata.

Per approfondimenti sui prossimi corsi di cookinglab in Verdi Radici Farm

ZUCCA RIPIENA DI VELLUTATA al rosmarino e tonka

ricetta-zucca-ripiena

 

SORGO ALLE CIME DI RAPA E CECI NERI con MANDORLE

sorgo alle cime di rapa

Una ricetta semplice e gustosamente sana che abbiamo realizzato a Fa La Cosa Giusta di Milano con Cucina Mancina

LE RICETTE PER CUCINAMANCINA

Per altre ricette segui il link di CucinaMancina la foodcommunity con la quale collaboriamo.

SUGO DI CAVOLFIORE, SCORZA D’ARANCIA E OLIVE

Una ricetta autunnale-invernale per sfruttare le Crucifere, verdure di stagione in maniera creativamente gustosa.
I cavolfiori in questa ricetta li abbiniamo ai profumi del sud con scorza d’arancia, olive tritate e capperi con l’aggiunta di erba cipollina.
Un sugo per la pasta molto profumato e colorato di gradimento anche per i più piccoli.
Un condimento questo che può essere usato anche come contorno ed abbinato a fagioli rossi azuki e a un buon pane nero integrale, si ottiene un piatto completo.
400gr cavolfiore(spezzettato a mano per avere i piccoli”fiori” come un caviale)
100gr olive,
solo la scorza grattugiata dell’ agrume preferito,
capperi
se si gradisce aneto, erba cipollina o timo
Spezzettare a mano le cime del cavolfiore e farle sbollentare in acqua bollente salata per 3 minuti
scolare intanto a parte affettare  le olive denocciolate
grattuggiare la scorza d’agrume, tritare l’erba cipollina e sciacquare i capperi se troppo salati.
Mescolare gli ingredienti e  servire con della pasta integrale o di grano saraceno o di segale oppure all’ortica.
Al posto del cavolfiore si possono usare i broccoli, al posto delle olive nere quelle verdi.

Lascia una risposta